NUOVO SITO ENEA 2017 - DETRAZIONI FISCALI

Dal 16 marzo è operativo il sito ENEA per la trasmissione dei dati relativi agli interventi di ammessi alla detrazione fiscale del 65% conclusi dopo il 31 dicembre 2016.

L’ultima legge di Stabilità ha prorogato fino al 31 dicembre 2017 le detrazioni fiscali del 65% per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio e per certi interventi ha rafforzato ed esteso la detrazione fino al 2021.

Le novità:

Gli interventi di efficientamento effettuati su parti comuni degli edifici condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari sono stati prorogati fino al 31 dicembre 2021.

Nel caso di riqualificazione di tutte le unità qualora siano rispettate un insieme di condizioni, l’incentivo può salire al 75% del totale delle spese.

Il massimo delle spese detraibili per ciascuna delle unità immobiliari è di € 40.000. L’agevolazione è consentita anche per edifici di proprietà di istituti autonomi per le case popolari adibiti ad edilizia residenziale pubblica, per questa tipologia di lavori, i beneficiari possono anche cedere il credito ai fornitori che hanno effettuato gli interventi o ad altri soggetti privati con la facoltà di successiva cessione del credito.

La cessione del credito:

Per le spese sostenute nell'anno in corso nel caso di riqualificazione energetica degli edifici condominiali (se interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda), la cessione del credito è fruibile a tutti i contribuenti, senza limiti di reddito, ed è esercitabile a favore di tutti i soggetti privati (che non siano istituti di credito o intermediari finanziari).

Interventi incentivabili:

  • Riqualificazione globale su edifici esistenti: l'insieme di interventi che fanno conseguire miglioramenti delle prestazioni energetiche
  • Coibentazione di pareti, soffitti o sostituzione di finestre e serramenti
  • Installazioni di pannelli solari termici
  • Sostituzione della caldaia con un modello a condensazione
  • Installazione di pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpiaù
  • Acquisto e posa in opera delle schermature solari
  • Acquisto e installazione di impianti di climatizzazione invernale a biomasse
  • Acquisto, installazione e messa in opera di sistemi di domotica


La documentazione necessaria per la richiesta:

Fatture e ricevute comprovanti le spese sostenute, ricevute dei bonifici di pagamento.
L’asseverazione di un tecnico abilitato che attesti la rispondenza dell’intervento ai requisiti richiesti. Per finestre comprensive di infissi, caldaie e pannelli solari questa può essere sostituita da una certificazione fornita dal produttore.
L’attestato di certificazione o di qualificazione energetica, tranne che per pannelli solari o sostituzione finestre. La scheda informativa relativa agli interventi realizzati.
Link utili:

Il sito ENEA per le domande 2017
Il vademecum ENEA sull'Ecobonus aggiornato al 2017
Contattaci per maggiori informazioni.

NUOVO CONTO TERMICO: AGGIORNAMENTO DELLA LISTA "APPARECCHI DOMESTICI"

Il GSE ha aggiornato la sezione Conto Termico del proprio sito, che ora è stata arricchita dall’Accesso Semplificato riservato agli apparecchi domestici di piccola dimensione.

Nella nuova pagina sono disponibili informazioni sul Catalogo degli Apparecchi domestici prequalificati e l’elenco delle proposte dei produttori.

È possibile visionare entrambe le liste degli apparecchi in formato pdf; l’elenco proposte dei produttori, che conta circa 8.000 dispositivi, è scaricabile anche in formato csv.

La pagina è raggiungibile dalla sezione Conto Termico 2.0:   Accesso Semplificato

Contattaci per maggiori informazioni.

ALTO ADIGE -  NUOVO SISTEMA DI CONTRIBUTI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA  E FER

Il 14/02/2017 Sono state approvate dalla Giunta della Provincia autonoma di Bolzano le nuove linee guida ed i contributi per favorire l’efficienza energetica e ridurre le emissioni nocive.

Per il 2017 sono stati stanziati a bilancio 15 milioni di euro. La Provincia tramite il Piano clima Energia Alto Adige 2050 si è posta obiettivi molto ambiziosi:

  1. la copertura di consumo energetico con fonti rinnovabili dovrà arrivare al 75% nel 2020 (al 90% nel 2050),
  2. le emissioni di CO2 pro capite nel 2020 non dovranno superare le 4 tonnellate ed entro il 2050 dovranno scendere a 1,5 all'anno
  3. il consumo energetico pro capite dovrà ridursi a 2.500 watt nel 2020 e a 2.200 nel 2050.

Il Piano clima prevede per il 2020 una quota annuale di risanamento degli edifici del 2,5%, pari a 1.500 edifici l’anno. Il contributo per il risanamento energetico degli edifici sarà aumentato al 50% per risanamento energetico complessivo con annessa certificazione dello standard Casa Clima, in caso contrario, il contributo resta del 30%.

Il Piano prevede anche l’aumento del contributo per il risanamento energetico dei condomini dal 30 al 70%.

Le nuove linee guida puntano sull’incremento dell’utilizzo di energie rinnovabili. La quota di contributo Fer sale al 50% dei costi aggiuntivi. È previsto anche il contributo provinciale per la sostituzione di impianti di illuminazione pubblica, la Provincia finanzierà il 50% dei costi riconosciuti.

Impianti fotovoltaici e impianti eolici realizzati in zone senza possibilità di allacciamento alla rete elettrica potranno prendere un contributo del 65% della spesa sostenuta.

Per le imprese la quota del finanziamento per lavori di risanamento e di efficientamento energetico sarà  mediamente del 50% per le piccole imprese, del 40% per le medie e del 30% per quelle di grandi dimensioni.

Per le PMI è stata introdotta la possibilità di finanziare degli audit energetici. Il contributo provinciale per questa diagnosi volontaria, è del 60% per le piccole imprese e del 50% per le medie.

Unitamente a questi provvedimenti non saranno più incentivati i generatori di calore nelle nuove costruzioni, poiché la direttiva sull’efficienza energetica prescrive una quota fissa minima obbligatoria di energia rinnovabile nei nuovi edifici.

Brentenergy è a vostra disposizione per qualsiasi approfondimento; contattaci per maggiori informazioni.

CONTRIBUTI PER LE DIAGNOSI ENERGETICHE NELLE PMI - REGIONE LOMBARDIA

E’ ufficialmente operativo il Bando di Regione Lombardia per l'assegnazione di contributi destinati alle Piccole e Medie Imprese con lo scopo di incentivare la realizzazione delle diagnosi energetiche oppure l'adozione del Sistema di Gestione dell'Energia ISO 50001 in una o più delle proprie sedi operative situate in Lombardia.

Brentenergy, in qualità di E.S.Co. certificata secondo la norma UNI CEI 11352, è tra i soggetti individuati dal bando come accreditati per svolgere le Diagnosi Energetiche. Inoltre in qualità di E.S.Co., Brentenergy può supportare e finanziare, con propri mezzi o ricorrendo al finanziamento tramite terzi, i progetti di efficientamento con lo strumento degli EPC (Contratti di Performance Energetica), con il quale è in grado di ripagare l’investimento iniziale dell’intervento con il risparmio energetico che esso produce negli anni.

La domanda di contributo potrà essere presentata a decorrere dal 28 settembre 2016 esclusivamente on-line, per mezzo del Sistema Informativo “SIAGE”.

Le risorse stanziate per il bando sono complessivamente pari a euro 2.271.132 di cui il 50% regionali e il 50% statali.  Il contributo è finalizzato a coprire il 50% delle spese ammissibili per la realizzazione di diagnosi energetiche o per l’adozione del sistema di gestione ISO 5000 in ognuna delle sedi operative in cui svolge la propria attività la PMI, fino ad un massimo di 10 sedi operative.

Le spese ammissibili non saranno considerate oltre l’importo di:

- € 10.000 al netto dell’iva per ciascuna diagnosi energetica;

- € 20.000 al netto dell’iva per la 50001 per ciascuna adozione del sistema di gestione ISO 50001.

Pertanto, il contributo massimo che potrà essere riconosciuto sarà di:

- € 5.000 per ogni diagnosi energetica;

- € 10.000 per ogni adozione del sistema di gestione ISO 50001.

L’assegnazione del contributo avverrà secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.

Ad esaurimento della dotazione finanziaria verrà consentito l’inserimento on-line delle richieste di contributo per la creazione di una lista di riserva, fino ad un massimo di richieste aggiuntive pari al 10% delle risorse inizialmente stanziate. Gli interventi in lista d’attesa verranno finanziati in caso di rinuncia o riduzione dei costi degli interventi già rendicontati.

Il bando concede contributi per le seguenti tipologie di interventi:

  • La realizzazione di diagnosi energetiche eseguite in osservanza dell’allegato 2 del d.lgs. 102/2014, che dovranno essere obbligatoriamente condotte dai soggetti elencati all’art. 8, comma 1, del D.lgs 102/14, ovvero E.S.Co. (Società di servizi energetici), esperti in gestione dell’energia o auditor energetici certificati da organismi accreditati ai sensi dell’articolo 8, comma 2 del d.lgs. 102/14.
  • L’adozione del sistema di gestione dell’energia conforme alla norma ISO 50001, comprovato da un certificato di conformità rilasciato da Organismo terzo, indipendente ed accreditato ai sensi del Regolamento (CE) n. 765/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio del 9 luglio 2008 o firmatario degli accordi internazionali di mutuo riconoscimento.La stessa adozione deve riguardare l’intera sede operativa a cui è riferita e non può’ essere circoscritta ad una sola filiera produttiva o a un solo comparto della medesima sede.

La domanda di contributo può essere presentata dal legale rappresentante di una Piccola e Media Impresa (come definita nel decreto del Ministero delle Attività Produttive del 18 aprile 2005) che abbia le caratteristiche elencate nel punto 2 del bando oppure da un soggetto da questo delegato.

Contattaci per maggiori informazioni.

DIAGNOSI ENERGETICHE - ON LINE L’AVVISO PUBBLICO PER IL COFINANZIAMENTO

Il 4 agosto è stato pubblicato il bando 2016 del Ministero dello sviluppo economico e del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare che invita Regioni e Province autonome a presentare programmi per sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche nelle PMI e rendere più efficienti i loro consumi energetici. L’iniziativa è  prevista dalle norme di recepimento della Direttiva sull’efficienza energetica.
Il bando 2016 mette a disposizione delle Regioni e Province autonome 15 milioni di euro per il cofinanziamento di nuovi programmi volti ad incentivare gli audit energetici nelle PMI o l’adozione di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001. La scadenza per presentare i programmi è fissata al 15 ottobre 2016.
Poiché saranno disponibili risorse predisposte dalle Regioni, per le PMI saranno disponibili 30 milioni di euro. La copertura dei costi che sosterranno per la realizzazione delle diagnosi energetiche ammonta al 50% della spesa
L’iniziativa verrà replicata annualmente con risorse analoghe sino al 2020.

Contattaci per maggiori informazioni.

brentenergy

Tel. 0463 466822

Fax. 0461 1810126

Sede legale:

via Orti 8

38010 Sfruz (TN)

P.IVA - C.F. 02358500227

Sede operativa Trentino:

Via Sonora 32, fraz. Segno

38012 Predaia (TN)

Sede operativa Lombardia:

Contrada delle Bassiche 9/A

25122 Brescia (BS)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.